Tipografia

Quando uno è biondo...

Ok, queste sono le copertine degli ultimi 25 numeri della rivista i-D, magazine inglese di moda, arte e musica fondato nel 1980 eccetera eccetera.

i-d-contact-sheet

Ecco, io improvvisamente mi sento stupido. Non l’avevo mai notato.

D

Da piccolo ho sempre creduto di essere l’unico bambino diverso dagli altri. Non ne ho mai parlato con nessuno, chi avrebbe potuto capire il mio dramma?

Oggi questo gruppo su Facebook mi ha profondamente rincuorato. Già. A quanto pare non ero affatto l’unico.

Ditemi, quanto è stupida la D del logo Disney? Sembra un G specchiata, o qualcosa del genere... certo, è una D, non ho mai detto “Gisney” né “Gisnep” (perché di fatto anche la Y ha dei seri problemi, parliamone...); ma vi giuro: tuttora necessito di un particolare sforzo intellettivo per vedere la D nascosta in questo sgorbio.


Disney D

In sintesi:

Milton Glaser - I Love NY

ABC3D

abcdefghijklmnopqrstuvwxyz

“È bruttissimo”

Oggi impariamo una cosa nuova: le legature tipografiche.

Questo è bruttissimo:

Bruttissimo

Questo è bello:

Bello!

Facile, no?

Rettifica

A quanto pare si sono impegnati per i primi 3 giorni e basta. Già brulicano apostrofi al posto di accenti e altri obbrobri di vario tipo. Ritiro le mie congratulazioni al Corriere Della Sera.

Novità in edicola

Il Corriere Della Sera si è rinnovato. Tralasciando la grafica — di per sé non ha nulla di innovativo o interessante — vorrei congratularmi con la redazione per la tipografia finalmente dignitosa: accenti, apostrofi e trattini usati correttamente. Era ora!

L’Arial

L’Arial è un brutto carattere tipografico. Ed è purtroppo il “meno peggio” quando si tratta di font per il web. Perché? Se avete voglia di leggere un articolo interessante, Mark Simonson ce lo spiega.
Intendiamoci: non è che sia davvero brutto, d’altronde parti di questo stesso sito sono in Arial—e io non sceglierei mai un font brutto, ovviamente. Cos’ha di brutto allora? La sua storia, i compromessi che hanno portato alla sua nascita, la ragione della sua diffusione, l’ignoranza della gente. E la coda della R maiuscola.

Arial