Acquisti

LP USATI LP USATI LP USATI

Sono entrato nel negozio con l’intento di comprare due libri, sono uscito con tre splendidi LP usati. Mica le ristampe da tremila euro che vanno tanto di moda oggi, questa è roba di venticinque anni fa con tanto di timbro SIAE eccetera. Già, quando le etichette glitterose non esistevano ancora e la SIAE metteva i timbri sui dischi...

Comunque.

Il Ray Of Light dei Pet Shop Boys è tenuto discretamente bene (infatti quello mi è costato ben tre euro), i due guilty pleasures di Madonna invece sono in condizioni disastrose, ma per il prezzo di un euro ciascuno (1 EURO) non posso certo lamentarmi. Tanto mica li ascolto, non ho nessuna intenzione di montare il giravinili, checché io abbia dichiarato poche ore fa in un momento di eccessivo trasporto emotivo. Non li appenderò neanche al muro, di fatto, ma tant’è.

lp-usati

Per un AMMONTARE di cinque euro.

TOVAGLIETTA ROSSA GATTO

Dunque, è da un po’ che non scrivo... ci sarebbero tante cose di cui potrei parlare, dal compleanno di Victoria (foto a random per festeggiare) alla Gita Pasquale eccetera. L’altro giorno, però, sono capitate ben DUE cose meravigliose che non posso fare a meno di condividere con il mondo.

Cosa meravigliosa numero uno:
magneti
Cosa meravigliosa numero due:
tovaglietta-rossa-gatto
Vi sono mancato, vero? :-)

Il Guanto Primordiale

Questo giorno verrà ricordato dai posteri come il Grande Giorno Della Creazione Del Natale. Di fatto, senza neanche rendercene conto, oggi è il 25 novembre e manca un mese esatto a Natale. Calza perfettamente. E non è un caso che il Guanto Primordiale sia proprio una calza. Hark!

guanto-primordiale

(Nota: il cd è insulso ma ciò è irrilevante ai fini di questo post.)

(Consiglio: ascoltate questo piuttosto.)

Aipoddino

Ma direi anche che non c’è niente da dire!

Aipoddino

9 novembre 2007

Il tanto atteso 9 novembre è arrivato! Giorno di grandi uscite discografiche, per chi non lo sapesse. Dalla Celine alle Spezie alla Nana alla Lei, oggi è uscito il mondo. Ma, ovviamente, oggi non si ascolta né si guarda alcunché degli acquisti tanto desiderati e finalmente arrivati: metaprogettare richiede attenzione, tanta quanta ne serve per ascoltare o guardare; di conseguenza, le due cose non si possono fare insieme. Ma chi non vorrebbe passare la serata analizzando il target della Prova del Cuoco, in fondo? Purtroppo non si può rischiare di dovere rifare il cccampionario, quindi la Celina aspetterà.

Un guscio per Mecchino

È bellissimo!

Guscio LArobe Guscio LArobe

(Diddy, ricordami il portachiavi.)

Le ultime parole famose

“No, oggi non compro niente perché devo risparmiare.”

PopArt

Si ricomincia!

Primo giorno in uni anno secondo! Ok ok no... primo giorno di “studio” esame Castelli tentativo terzo! È stata una giornata molto impegnativa: per prima cosa colazione da Germano, poi visita auto-guidata mostra di moda, in seguito frenetica sessione di studio. D’altronde non capita tutti i giorni di imparare a biondizzare l’Ila o a mezzo-riempire una tazza vuota di cioccolata; ho anche appreso che nell’aula studio non si può né mangiare né leggere. Quante cose che si imparano!
Dopo tutto questo studiare ci meritavamo una pausa pranzo consistente: 5–6 ore al Blue Spot sono bastate a riprenderci dalla fatica del mattino.
Ovviamente, essendo il primo giorno, non abbiamo certo potuto continuare a studiare anche nel pomeriggio; anche perché avendo 15 euro di sconto CartaPiù, dovevo per forza prendere qualcosa alla Ricordi. Così mi sono finalmente deciso a ri-comprare Ray Of Light — album che ogni persona seria a questo mondo deve avere — visto che la mia vecchia copia risalente a 9 anni anni fa è ormai letteralmente consumata. E lo sconto? Beh, mi sono divertito a fare finta di comprare un CD gratis. Beyoncé e Coriste. È pure bello: come si fa a non apprezzare testi come “I know that he loves me cause he told me so”? Mi piace la semplicità spiazzante.

Ray Of Light Survivor

I *heart* cardboard packaging

Sono malato. Sono sicuramente malato. Come ce lo spieghiamo, altrimenti, che basta una scatoletta di cartone ben progettata per farmi impazzire?

HPIM3088 HPIM3089 HPIM3090 HPIM3091
HPIM3092 HPIM3093 HPIM3095 HPIM3096

It’s not how good you are, it’s how good you want to be.

“It’s not how good you are, it’s how good you want to be.”

Non avevo ancora finito di leggere il titolo quando ho capito che quel libro l’avrei comprato. L’ho preso in mano, l’ho aperto. Bianco su nero, caratteri cubitali: “Nearly all rich and powerful people are not notably talented, educated, charming or good-looking. They become rich and powerful by wanting to be rich and powerful.” A questo punto ho capito che andare avanti a leggere sarebbe stata una perdita di tempo, tanto quel libro l’avrei sicuramente comprato. Ma sono andato avanti a sfogliarlo lo stesso. E mi sono accorto di non essere rimasto sorpreso nel vedere una foto di Victoria Beckham (una sosia di Victoria Beckham per la precisione, ma non ha importanza) con una sua citazione: “I want to be as famous as Persil Automatic.” Curioso, è come se inconsciamente già avessi saputo che avrei trovato un riferimento a Victoria Beckham in un libro così. Un libro perfettamente editato, squisitamente impaginato. Scritto da Paul Arden, per anni direttore creativo esecutivo della Saatchi & Saatchi, leggenda vivente del settore pubblicitario inglese. (Oh, non crediate che io sia così colto in materia, questo l’ho scoperto leggendo il profilo dell’autore sul retro!). Pubblicato anche in italiano, per la cronaca, e questo l’ho scoperto adesso cercando su Internet, con il titolo “Non conta volere, ma volere contare” (Phaidon).

Non c’entra niente, ma oltre al libricino ho comprato anche il CD di Giustino! Mi stupisco di me stesso, non so perché l’ho preso, probabilmente in quel momento ero più scemo del solito, ma non importa, perché mi piace!

It's not how good you are, it's how good you want to be. FutureSex/LoveSounds

W3C VALID

Oggi ho finalmente stampato la mia t-shirt! È troppo major! Poi ho fatto altri acquisti vari: innanzitutto le scarpette — chi avrebbe mai detto che avrei preso un paio di All Star? Io no, personalmente. Ma sono stilosissime quindi meritavano di essere comprate. Da H&M invece ho trovato degli occhiali da sole 100% Made In China, 100% rossi, 100% strawow!

w3c-valid-logo- scarpe-all-star-1- scarpe-all-star-2-
occhiali-hm-1- occhiali-hm-2- w3c-valid-t-shirt-

Il peggior incubo preferito

Oggi sono uscito per comprare le scarpe. Ma dell’unico modello che mi piaceva c’era solo il 40... uff... pazienza, mi sono consolato comprandomi un cd! Un cd molto stilosissimo, tra l’altro!

01- 02- 03-

(e soprattutto credo di avere stabilito un nuovo record personale: comprare un disco di un gruppo sconosciuto fino a meno di 48 ore prima!)

Surprise, surprise!

Mi sa che sto proprio invecchiando...

*

Sabato si va al cinema a vedere Spider-Man, ovviamente, perché non si può non vedere il terzo capitolo quando i primi due sono stati uno più bello dell’altro. E poi questa volta ci sono nientepopodimeno che tre nemici da sconfiggere... Ma andiamo con ordine.

Innanzitutto Marco incomincia a squillare perché non siamo ancora arrivati. Sono le 11.31 e io e Ale siamo in ritardo di un minuto. È agitato, non possiamo rischiare di non prendere i biglietti in tempo. Ovviamente quando arriviamo l’Odeon non è ancora aperto, ma tant’è.

Così andiamo alla Rinascente perché Marco deve andare in bagno, e i bagni più belli di Milano sono al quarto piano della Rinascente, ovviamente. È incredibile come riescano a riempire 7 piani di cose insignificanti! E poi spiegatemi perché l’unico maglione carino deve costare 375 euro! No, non è proprio il negozio adatto a me, è chiaro.

Pizza da Spizzico, poi di corsa alle casse dell’Odeon; presi i biglietti, abbiamo ancora 2 ore prima del film. Un giretto alle Messaggerie e alla Ricordi non ce lo toglie nessuno. Altro che Rinascente! Però è mai possibile che nessuno, dico nessuno, abbia il fantomatico CD “Glitter” di Maialah Carey? (sì, lo so che è l’unico album pubblicato con la Virgin, che poi pagò milioni e milioni alla signora per rompere il contratto, spaventati a morte dall’idea di perdere molti più soldi in eventuali altri dischi che non avrebbe comprato nessuno, lo so che è fuori catalogo, lo so che le recensioni dicono che è inascoltabile, lo so che ha una copertina oscena tutta glitterosa e sfotoscioppata... però cercate di capirmi, non può mancare nella mia collezione!) Mi consolo allora comprando “V For Vendetta” con la mia amata Natalie, e al diavolo Glitter.

Ed eccoci all’Odeon. Sia lodato Marco e i suoi biglietti! Già, perché c’è tutto il mondo a fare la coda alle casse...

...ma il film non è che sia proprio un gran che... perfetti gli effetti speciali, cattivi i nemici, strafashion la tutina nera... però... che storia insignificante! E quante scene inutili! E che lentezza in certi punti! Ma soprattutto: che razza di esperimento stavano facendo con la sabbia?!

Meno male che tornato a casa c’è V che mi consola... certo, potevano sprecarsi un po’ di più con i contenuti speciali, ma la Natalie non delude.

*

Domenica grande festa: Calendimaggio! Vale a dire che il paese si trasforma in un circo: giostre, fiera, bancarelle e tutto il resto. Che tristezza però: un tempo passavo tutto il giorno in giro senza stancarmi, adesso non faccio a tempo a spendere 15 euro su qualche giostra che già sono distrutto... eh sì, sto proprio invecchiando!

Eppure il pomeriggio in giro per la fiera si rivela incredibilmente sorprendente: tra una cosa e l’altra io e Ale decidiamo di entrare all’“Angolo”, un insulso negozietto di libri e dischi: sì, non ci credo neanche io, ma cosa trovo? Glitter!!! Cioè io lo cerco da mesi ed è lì dal 2001 – perché nessuno lo ha comprato prima, ovviamente – con ancora il prezzo in lire, il vecchio mi fa pure lo sconto, probabilmente troppo felice che finalmente qualcuno glielo compra!

Mariah Carey - Glitter