“...faccio molto l’amore!”

Non vorrei essere noioso, ma non posso non riportare anche questa felice notizia...

Antonella Clerici è incinta! Il suo sport preferito dà finalmente i suoi frutti! Ma brava la mia cara Anto! Diventerai GRASSA come un tempo! Adoro!

Ancora bimbi...

Ricky Martin ha avuto due gemelli! Congratulazioni al ragazzo padre!

Nascerà uno Starbucksino!

Giornata dedicata ai bimbi: Melanie C ha annunciato di essere incinta! Congratulazioni! Iniziamo con il toto-nome?

È nato Zuma Nesta Rock.

Dimenticate i vari Brooklyn, Apple, Chanel, Cruz, Bluebell Madonna, Suri ecc... congratulazioni a Gwen Stefani, si aggiudica senza dubbio il primo posto nella classifica dei nomi più strambi dati ai figli! Benvenuto al mondo, Zuma!

Flower

Dal vasto repertorio di Kylie, ecco la sua canzone forse più personale e commovente. E criptica: il significato non è immediato, si intuisce qualcosa eppure... cosa vorrà mai dire davvero? Di certo questo flower non è semplicemente un fiore... le ipotesi sono aperte, per me possiamo farne un Miglie Lontano parte seconda!

Sembra che Kylie si diverta a non includere negli album brani decisamente ottimi — lights mantra? —, di questa Flower non esiste nemmeno una studio version; ma non importa, abbiamo un’interpretazione dal vivo davvero valida: vi lascio testo e mp3, a voi l’ascolto!

Wrapped in a blanket of hope
Asleep in a bed of dreams
My step into eternity
Is not what it might have been
Or not at all
For who knows which way the wind is gonna blow
I’m waiting for your gentle whisper

Distant child, my flower
Are you blowing in the breeze
Can you feel me
As I breathe life into you
In a while, my flower
Somewhere in a desert haze
I know one day you’ll amaze me

An act of balancing, imagining, the moment I can be
Looking deep into your eyes
For now a mystery
Or not at all
For who knows which way the wind is gonna blow
I’m waiting for your gentle whisper

Distant child, my flower
Are you blowing in the breeze
Can you feel me
As I breathe life into you
In a while, my flower
Somewhere in a desert haze
I know one day, you’ll amaze me

Two hearts
In the hands of time
Your love bleeds into mine
I’ll be with you forever
And give you everything I am
Want you to understand
It’s you and I together

Distant child, my flower
Are you blowing in the breeze
Can you feel me
As I breathe life into you
In a while, my flower
Somewhere in a desert haze
I know one day you’ll amaze me...

Bluer than blue

Your bluer than blue eyes definitely made my day today.

:|



Io: senza parole. Se non altro, il playback è perfetto.

È tempo di CELEBRARE!

Buon compleanno cara Vecchia!!! Di nome e di fatto! Ti adoro! E come d’obbligo su questo blog, una foto a random per festeggiare!

Cinquanta!!!

Il ritorno delle bambole

L’album si intitola Doll Domination, non aggiungo altro!

pcd-doll-domination-01- pcd-doll-domination-02- pcd-doll-domination-03-

D

Da piccolo ho sempre creduto di essere l’unico bambino diverso dagli altri. Non ne ho mai parlato con nessuno, chi avrebbe potuto capire il mio dramma?

Oggi questo gruppo su Facebook mi ha profondamente rincuorato. Già. A quanto pare non ero affatto l’unico.

Ditemi, quanto è stupida la D del logo Disney? Sembra un G specchiata, o qualcosa del genere... certo, è una D, non ho mai detto “Gisney” né “Gisnep” (perché di fatto anche la Y ha dei seri problemi, parliamone...); ma vi giuro: tuttora necessito di un particolare sforzo intellettivo per vedere la D nascosta in questo sgorbio.


Disney D

Love me, love me, love me, love me

È sicuramente un video low budget; per nulla cheap, di fatto: la differenza è sottile ma sufficiente a elevare un prodotto dall’insignificante al minimal-chic.

Minimalismo in perfetta linea con il brano: I’m the one, love me, love me, love me, love me. Poche altre canzoni sanno racchiudere tanta eloquenza in altrettanta semplicità: mi piace sempre ricordare “I know that he loves me cause he told me so” di Bee & Coriste — più spiazzante di così si muore. Ha un che di decostruzione cccampionaria, oltretutto. Mi piace un sacco! Parliamo di Kylie Minogue, dopotutto. The one.



PS: ma non vi ricorda qualcuno questo look?

Disturbia

Amo amo amo sempre più Rihanna! È incredibilmente sexy, esagerata, bellissima, stilosa, sfacciata, sa cantare, sa muoversi, sa il fatto suo, ha due gambe spaziali, dio quanto la amo.

30 demo illegali di spears

Vorrei condividere con voi queste preziose informazioni: si tratta delle chiavi di ricerca attraverso le quali è stato raggiunto questo sito negli ultimi mesi — opportunamente selezionate, ovviamente. Mi sono permesso di aggiungere dei commenti personali tra parentesi. La gente si sbizzarrisce parecchio su Google, eh??

30 demo illegali di spears (:|)
blog aggiornati stilosi
(ci azzecca direi)
blog fashion leopardati
(potrebbe essere un’idea per il prossimo CSS mpf)
calendario santanchè
(senza parole :|)
canzone madonna in macchina con vecchietta
(XD)
come fare la legatura stivali
(eh?)
è finita (pensa positivo pensa positivo pensa positivo)
io odio i gatti
(ma dai!)
ipod touch quanto costa? (signor Google, risponda alla domanda!)
la persona nella foto è troppo sexy e non può essere visualizzata
(!?)
la prova del cuoco
(oddio nooo)
nanetta
(XD)
o2 arena
(*_*)
piedi victoria beckham
(santo cielo questo è più malato di me!)
piume di struzzo
(XD)
screensaver mai visti
(uuu)
scarpe a rete
(scommetto che è lo stesso che cercava di fare la legatura agli stivali)
tacchi daniela santanchè
(XXDD)
testo canzone rippin up the disco kylie minogue
(*_*)

#1

Il famoso greatest hits Gold degli ABBA, uscito originariamente nel 1992, è tornato questa settimana in cima alla classifica degli album più venduti in Inghilterra, spodestando nientemeno che l’ottimo Viva La Vida dei Coldplay.

Sono passati più di 30 anni, ma la musica degli ABBA dimostra oggi — ancora una volta — di essere davvero senza tempo: non è mai troppo tardi per scoprirla! Ottenete Gold qui.

ABBA - Gold

Emergenza bruchi a Seregno

A Seregno, gli abitanti del quartiere di via Montello sono costretti a tenere le finestre dei loro appartamenti chiuse in piena estate. Colpa di un’invasione di bruchi.
Un’invasione in piena regola, con migliaia di bruchi che si diffondono ovunque raggiungendo anche i condomini, e che lascia sconcertati i residenti.
I lunghi vermi si sono riprodotti in un piccolo laghetto artificiale di acqua stagnante in un terreno incolto che costeggia i palazzi.
Gli abitanti del quartiere hanno avvisato l’amministrazione comunale, che però ha risposto di non avere strumenti per intervenire: il terreno è di competenza della Provincia.

Ok, perdonatemi ma non so proprio se ridere o preoccuparmi!

Nella spiaggia libera...

n1297408312_30073150_1199 copy